Lucis Trust / Eventi e Incontri / Archivio / Settimana di Fe... / I Cicli del Nuovo Gruppo di Servitori del Mondo  

I Cicli del Nuovo Gruppo di Servitori del Mondo

Foster Bailey

Le attività del nuovo gruppo di servitori del mondo seguono uno schema ritmico di periodi di tre anni, ciascuno dei quali prende forma dal precedente conservando tutto ciò che è stato acquisito.

Il primo dei tre anni comporta un processo di reintegrazione interiore, di condizionamento soggettivo e di ricarica. E', per così dire, un rinnovamento delle riserve che si compie soggettivamente, mentre all'esterno il lavoro prosegue. E' un periodo di maturazione spirituale, di decisioni importanti e di scelte soggettive determinate dall'aspetto qualitativo della vita del gruppo. E' anche il momento in cui viene precipitato il nuovo frammento di visione che la vita del gruppo è pronta a ricevere.

Nel secondo dei tre anni si sviluppano i risultati di questa visione e di questa scelta interiore. L'azione è volta a perfezionare e adattare i progetti elaborati e già in via di realizzazione e a produrre la necessaria espansione di coscienza affinchè la vita che affluisce possa trovare la sua espressione senza che la sua potenza provochi rotture. Durante questo periodo i problemi personali trovano una soluzione ed è necessario organizzare il lato finanziario. E' a questo punto che l'organizzazione esterna viene fatta oggetto di nuova considerazione.

Durante il terzo anno tutto questo deve portare i suoi frutti nell'azione, un'azione sostenuta, ferma, bene equilibrata ed efficace. Si è detto che questo è un momento in cui il nuovo gruppo di servitori del mondo "batte un colpo spirituale sulla coscienza umana". L'azione esterna deve condurre le nuove forze contattate nella coscienza umana e si deve estendere l'opportunità ai figli degli uomini. La risposta all'invocazione umana deve fluire ed è compito dei discepoli del mondo usare qualsiasi canale o accesso alla coscienza umana.

Durante questo periodo il gruppo viene utilizzato dalla Gerarchia in modo più diretto che in qualsiasi altro momento. Se nel primo periodo la visione è apparsa senza deformazioni, se la preparazione in vista del servizio è stata fatta con saggezza durante il secondo periodo e se, durante quest'ultimo, nell'organismo spirituale sono stati tolti gli ostacoli e rimediate le falle, il terzo periodo sarà il più tranquillo per quanto riguarda l'operazione esterna. I rapporti fra i membri esecutori devono essere armoniosi e totalmente liberi da critiche e discussioni. La macchina costruita per il lavoro può e dovrebbe funzionare quasi automaticamente. Il modello è stato fornito e tutti lavorano assiduamente.

Vi sono altri cicli periodici nel modo di manifestarsi della vita del Logos del nostro pianeta quando agisce tramite la famiglia umana, ma questo importante gioco dei tre si ritrova dappertutto. I fattori temporali come si manifestano sul piano della coscienza non sono esatti e possono sovrapporsi. Dobbiamo ricordare che il nostro calendario non è una misura precisa della sequenza degli eventi umani in rapporto con i cicli planetari e solari.

Sappiamo anche che in qualsiasi ciclo è possibile fare di più di quanto sarebbe previsto normalmente, per quanto riguarda lo sviluppo e il servizio. Come il singolo aspirante può accelerare il proprio progresso sul Sentiero e, in una incarnazione, realizzare più di quanto la sua stessa anima avesse previsto, così un gruppo può approfondire la sua coscienza spirituale, purificare la sua espressione e dimostrarsi più efficente e praticamente utile di quanto potesse sembrare all'inizio di un dato periodo. Questo è vero per il nuovo gruppo di servitori del mondo come per l'umanità nel suo insieme. Tuttavia i ritmi fondamentali persistono ed è bene trarne profitto.

Quando il discepolo accettato trova il suo campo di servizio ed entra coscientemente nei ranghi dei membri anziani del nuovo gruppo di servitori del mondo, immancabilmente constata che la sua vita comincia a conformarsi al ciclo periodico di questo gruppo più vasto. I conflitti, i timori e le paure della sua personalità, i problemi riguardanti i suoi affari sul piano esterno diventano sempre più secondari e automatici, fino al punto in cui è finalmente libero. La sua vita si fonde con quella del gruppo in modo incomprensibile per lui, che aspirava a tale abbandono nella libertà spirituale.

Un esame degli eventi nel corsodei primi trentanni di esistenza del nostro gruppo dimostra ch'essa si divide in periodi di dieci anni che, ciclicamente, coinciderebbero naturalmente coni periodi di tre anni del nuovo gruppo di servitori del mondo. Questo sincronismo fu dimostrato in modo evidente nel 1952. Quella circostanza si impose a noi in modo preciso perchè in quell'anno l'umanità nel suo insieme attraversava il medesimo importante processo della scelta esoterica interiore che caratterizza il primo ciclo di ogni periodo di tre anni nel gruppo più ristretto dei servitori del mondo.

Nel 1923, il secondo anno del nostro ciclo di tre anni, ebbe luogo l'azione esterna che preparava a un nuovo impatto spirituale sull'insieme del campo esoterico del mondo. Fu il risultato della decisione presa da Alice A.Bailey e dai suoi collaboratori e che era stata messa a punto l'anno precedente. Di conseguenza, l'esoterismo del mondo occidentale è oggi ben diverso da quello di quei tempi.

Nel 1931 venne presa la decisione di estendere il lavoro all'estero e il 1933 vide entrare in azione esterna il nuovo gruppo di servitori del mondo. Il gruppo mondiale che era stato creato durante i precedenti dieci anni fu il veicolo utilizzato con successo per lanciare questo lavoro. Il 1933 fu pure l'anno che segnò l'espansione del nostro gruppo, il cui risultato fu l'inizio della realizzazione progressiva dei progetti per il servizio mondiale. Infatti, ognuno di questi progetti fu la precipitazione di qualche aspetto della crescente efficienza del nuovo gruppo di servitori del mondo.

Il terzo anno del successivo ciclo di tre anni, il 1936, vide ancora una volta, nell'azione del nostro gruppo, un'espressione esteriorizzata in rapporto con la prima strofa della Grande Invocazione e in quell'anno la Gerarchia fece uno sforzo definito in vista della crisi che si preannunciava per l'umanità. Il 1939 ci vide impegnati nella grande lotta iniziatica chiamata seconda guerra mondiale; fu nel 1942 che interiormente ebbe luogo la vittoria spirituale e fu assicurato il risultato finale. Nel 1945 fu dimostrata l'impossibilità di attentare all'integrità spirituale dell'umanità quando il Cristo potè annunciare il Suo ritorno e fu pubblicata la Grande Invocazione, che costituisce ora la nostra principale arma spirituale. Il 1948 fu l'anno in cui vennero precipitate le energie delle nuove potenze spirituali divenute rapidamente utilizzabili per salvare l'umanità e con le quali due anni prima avevamo scelto, come gruppo, di avanzare di pari passo; nel 1951 l'insieme del nostro gruppo si trovò impegnato in una lotta più disperata del previsto contro le pressioni accumulatesi, che nel periodo post bellico si opponevano all'espansione della coscienza spirituale in seno alla famiglia umana.

Venne poi il 1952, anno significativo e primo del ciclo di tre anni che si ripete nella vita del nuovo gruppo di servitori del mondo. Anno di decisione e di scelta sul piano interiore in cui fu messa alla prova la principale qualità dei discepoli del mondo, riuniti per assumere la futura cooperazione con la Geearchia. Come gruppo abbiamo vissuto quel periodo in modo più cosciente che mai del significato che esso rappresentava; il risultato fu la possibilità di compiere, nel 1953, un'azione di consolidamento e fare certi passi che costituiscono uno dei più utili fondamenti del futuro. Il nostro gruppo ha superato la prova e la sua integrità essenziale fu preservata; ci si è preoccupati delle ostruzioni del canale come dei conflitti interiori, si sono elaborati i piani per favorire l'impatto esterno necessario sulla coscienza umana nel 1954, terzo anno del ciclo. Abbiamo tutti potuto constatare che quell'impatto inaugurava la seconda fase di precipitazione del nuovo gruppo di servitori del mondo nella coscienza dell'umanità, da cui sono risultati l'aumento del numero dei membri e un apporto di forze.

E' nel 1952 che venne presa la decisione di creare un centro di lavoro pratico a Ginevra e il progetto venne felicemente realizzato nel 1953. L'aver potuto fare questo ed essere divenuti coscienti della realtà di questa legittimità interiore, nonchè di certi riconoscimenti spirituali, è per noi la garanzia che il nostro gruppo è entrato con successo nel secondo importante periodo di trentanni. Se nel 1952 non avessimo agito nel modo giusto e se non fossimo riusciti a dar seguito ai risultati derivanti dalle scelte effettuate in quell'anno, oggi non potremmo essere certidi avere davanti a noi un secondo ciclo di trentanni con la prospettiva di una maggiore utilità per il mondo. Ciò che è vero per il discepolo individuale lo è pure per il nostro gruppo in cui, in gran parte, ci siamo appena resi conto del senso profondo degli avvenimenti che si succedevano o del potenziale delle forze che venivano verso di noi e alle quali rispondevamo del nostro meglio.

E' per questo motivo che il 1954 deve essere per il nostro gruppo un anno di azione potente ed efficace sul piano mondiale. Il 1955 porterà di nuovo tensioni e scelte. L'azione del gruppo nel 1957 e nel 1960 sfocerà, nel 1963, in un supremo impatto spirituale mondiale sulla coscienza umana, nel quale siamo chiamati a contribuire con la parte che ci spetta.

Dicembre 1953

  Cicli Temporali del Nuovo Gruppo di Servitori del Mondo >